Feeds:
Articoli
Commenti

Il prossimo 3,4,5 Giugno 2011 si svolgerà il Florence Wine Event che ormai alla 5° Edizione con circa 100 aziende presenti ospiterà come ogni anno una sezione di aziende Biologiche e Biodinamiche,  sul catalogo grazie ad una piccola coccinella sarà possibile distinguerle dalle altre aziende. saranno presenti:  Cosimo Maria Masini, Mattia Barzaghi, Podere La Castellaccia, Quercia al Poggio, Renzo Marinai, Ronco di Zegla, Vigliano, Campinuovi, Fattoria Sant’Andrea a Morgiano, Tenuta Lenzini, Azienda Agricola Ornina

 

Il FWE è una manifestazione conviviale e fresca che in Oltrarno riesce a coinvolgere contemporaneamente sia i turisti sia i fiorentini appassionati di vino e non, tutti insieme con il calice in mano!!!  Per partecipare alle degustazioni sarà sufficiente il Kit degustazione a €10  acquistabile all’ingresso di piazza Pitti  e che comprende il bicchiere, la tracollina, il catalogo e la Drink card con 10 assaggi che ha valore per tutti i giorni della manifestazione. Per tutti i Sommelier in grado di esibile la propria tessera associativa 2011 (Fisar e AIS) sarà possibile allo stesso costo ritirare la Special Drink Card che ha valore  giornaliero ma che permetterà a voi operatori di degustare tutti i prodotti che preferite.

Orari Stand Piazza Pitti: Venerdì 3 dalle 16,00 alle 21,00; Sabato 4 dalle 11,00 alle 21,00; Domenica dalle 11,00 alle 20,00(tenendo conto che alle 19,00 cesserà la possibilità di acquistare il Kit degustazione.

vininaturali a roma

Il prossimo appuntamento con i Vini Naturali si riconferma con la terza edizione organizzata da Tiziana Gallo che si terrà il prossimo 5 e 6 Febbraio 2011 nella capitale a due passi dalla basilica di San Pietro nelle sale dell’Hotel Columbus in Via della Conciliazione,33  dalle 12:00 alle 20:00 (20 euro per un giorno e 32 euro per due giorni ). E’ l’occasione per passare un bel pomeriggio in compagnia dei produttori con l’occasione di sorseggiare e degustare i loro vini.

Circa 80 aziende di vini naturali, prodotte da uve biologiche o biodinamiche  di cui alcune aderenti alle varie associazioni  come: Vini Veri, Vin natur, Renaissance Italia, Triple “A” presenteranno ognuno la propria espressione e personalità.

Questi i post dell’edizione precedente:

http://iovino.wordpress.com/2010/02/08/quando-la-qualita’-e’-inversamente-proporzionale-alla-grandezza-delle-aziende-evento-roma-vini-naturali/

La storica rassegna agricola di Pratolino si sposta in città con un grande evento alle Cascine, RURALIA.

Finalmente un evento alle Cascine che coinvolga la vita di campagna con il cittadino in modo sano ed educativo. Occasione per farsi una bella passeggiata alle Cascine così come ho fatto io questa mattina. Insomma questa mattina mi sono svegliata e mi sono detta perchè non uscire di casa per ricaricarmi dallo stress settimanale.

Pensavo di trovare semplicemente qualche stand di sponsor, qualche vero agricoltore, bancarelle miste, una sagra del fungo arrangiata e il solito panino con la salsiccia e invece ragazzi mi sono ricreduta… CERTO ANCORA DA MIGLIORARE!!! ma direi che tutto sommato lo spazio si presta veramente bene e l’offerta espositiva per il cittadino fiorentino è decisamente positiva. Nel piazzale del Re è possibile farsi una passeggiata tra una trentina di stand tra agricoltori la cui maggior parte piccoli produttori biologici di frutta, verdura, legumi, vino, olio, piante, fiori ecc…  in cui è possibile comprare  a buon prezzo tutto.

Gli stand sono tutti interessanti io mi sono fermata a chiedere un’informazione sugli allevamenti delle lumache ed ho scoperto che chi ama il contatto con la natura può aderire ad un progetto  che promuovono molte aziende biologiche chiamato WWOOF che ti permette di lavorare in aziende BIO e quindi farsi una piccola esperienza, in cambio di vitto e alloggio.

Ma per chi vuole staccare anche solo un giorno o pomeriggio ed immergersi in una realtà bio propongono:

Nel prato uno bellissimo stand di volatili che però ho trovato un pò triste per le piccole dimensioni delle gabbie. Ho fatto conoscenza con  il piccione fiorentino, che non assomiglia assolutamente a quello di cui parla Povia ma bensì l’ho trovato quasi borghese… vedendone l’aspetto mi sono chiesta perchè ne abbiano abbandonato l’allevamento della razza, si dice che un tempo la loro carne era molto pregiata.

piccione razza fiorentina

A proposito di cibo, nel prato tra vitelli, tori e mucche Limousin, Maremmane e Chianine  lo stand della Fattoria IL FORTETO del Mugello propone un casareccio Hamburger di Chianina servito con il loro pane a lievitazione naturale accompagnato dalla loro birra artigianale a sole 5,00 euro. A parte l’attesa VIVAMENTE CONSIGLIATO!!!!!!!

I Pirati dopo l’arrembaggio alle navi sono soliti scassinare i forzieri dell’oro per raziare corone, dobloni, medaglie e monili luccicanti. Questa volta il capitano ha scorto un oggetto che ha destato il suo interesse, e davanti ad increduli compagni si allontana con solo quello in mano. Impossibile non rimanere colpiti dai vini prodotti con uve Dolcetto dell’ Azienda San Fereolo, espressione di beva territoriale e dello scambio energetico tra le vigne e la felice mano di Nicoletta Bocca; eppure il nostro Pirata, che ama bere il Valdibà ed il regale San Fereolo , questa volta viene rapito da un autentico gioiello nero:  AUSTRI 2005

 

Siamo ben oltre la Barbera,  l’acidità è tesa ma ben bilanciata da un tannino nobile e di bella trama. La maturità del frutto è indiscutile, in bocca una esplosione di more di gelso e ribes. La dolcezza del tannino è superba ed allettante, alla stregua di quello di un grande cabernet francese, una grande estrazione mai noiosa che porta con sé aromi di bacche, sottobosco e spezie. Fresco d’estate meglio del gelato. Da bere, bere, bere con soddisfazione.

Domani dalle 18.30 in poi, in uno dei più bei locali fiorentini, ci sarà una degustazione di vini naturali. La serata è organizzata da Filippo Ferrari e da Cristian Giorni.

Ecco i vini in degustazione:

Fattoria le Sorgenti:

  • Respiro 2008, Chianti Colli Fiorentini Docg
  • Sghiràs 2007,  Toscana Bianco Igt
  • Gaiaccia 2007, Toscana Rosso Igt
  • Scirus 2006, Toscana Rosso Igt

Tenuta Lenzini :

  • Vermignon 2009, Toscana Bianco Igt
  • Merlot 2008, Colline Lucchesi Doc
  • Syrah 2008, Toscana Rosso Igt
  • Poggio de’ Paoli, Toscana Rosso Igt

Tenuta Belvedere:

  • Langravio 2007 e 2008 Toscana Rosso Igt
  • Noesis 2009, Toscana Bianco Igt

Per chi ci sarà, ci vediamo domani!

Golden View Open Bar

Via De’ Bardi, 58
50125 Firenze
055 214502

Che c’entra un ristorante giapponese in un blog di vini bio???

Tutto è nato grazie a un invito, da parte Eito, storico ristorante giapponese di Firenze, e di Giovanni Avila ed Enrico Pacciani di Aviofficine, riservato a blogger   attivi sui social media appassionati di cucina. Obiettivo: creare un confronto, durante una cena – informale quanto curata nella qualità –   sulla cucina giapponese e sul modo in cui essa viene proposta in Italia. Tra i presenti anche Naoyoshi Itani, direttore della Rassegna di Cinema Giapponese, in autunno a Firenze.

La cena è stata un viaggio nella cucina giapponese,  dove il sushi e il sashimi sono solo alcuni degli elementi, e nemmeno i più importanti. Il comune denominatore di questo viaggio, che ci è stato spiegato passo passo dalle due anime di Eito, Gaia Santini e dalla sig.ra Masumy,  è stata  l’altissima qualità, espressa dalle abili mani del cuoco giapponese che “creava” nella cucina a vista. Sono Gaia e Masumy che ci spegano come il sushi è un po’ come la pizza per noi Italiani , un cibo che i giapponesi  mangiano non nella quotidianeità ma quasi esclusivamente al ristorante, e che è andato a diventare, come la pizza appunto, un piatto “da esportazione”.

Ma la vera sorpresa è stata l’emergere di argomenti come “Km 0” (il pesce proviene dal Mediterraneo, mentre tutte le verdure sono di stagione e provengono dall’azienda biodinamica, a Greve in Chianti, di Gaia e del marito Gabriele Rindi, il quale ha iniziato a cimentarsi da poco anche nell’allevamento di pollo, compresa la pregiata razza del Valdarno), perchè in effetti, come ci racconta Gaia “in tutte le cucine tradizionali non c’era bisogno di specificare che i prodotti fossero biologici o no, o che provenissero dal luogo più vicino. Noi abbiamo cercato di ricreare queste condizioni…”.

Ovviamente in tutta questa convivialità e fusione di culture non poteva mancare il vino… Durante la serata abbiamo bevuto un discreto Gewurztraminer sudafricano (io, da non amante di questo vitigno, mi sono sorpresa della piacevolezza di alcuni abbinamenti, primo su tutti con piatto chiamato ” Bomba”, un misto di pesce con caviale di salmone e pesce volante in salsa wasabi). Un desiderio di Gaia sarebbe, infatti, quella di far accettare definitivamente che al ristorante giapponese si possa anche consultare  una carta dei vini, magari che abbia un’attenzione particolare a certi vini “estremi”, come Gravner (molto amato da Gaia) o naturali.

Ancora un grazie per la piacevole serata che ci ha aiutato a conoscere meglio una cultura che spesso viene deformata dalle mode.

Ebi Dango, polpette di gamberi scottate in agrodolce

Eito
Via dei Neri, 72-red
50122 Firenze
055 210940
http://www.eito.it

terra futura molti consumatori hanno chiesto informazioni sulle produzioni biologiche, i gas (gruppi acquisto solidale), il mondo del biologico. Naturalmente non esiste una ricetta valida per ogni situazione, però lo sforzo di incrementare rapporti e conoscenza reciproca fra consumatori e produttori partito con il progetto “camminare insieme” per la garanzia partecipata sulle produzioni bio, può continuare anche con una serata di informazione e confronto su cosa vuol dire produrre davvero bio.
Ecco quindi un incontro tra i produttori bio e i GAS, incontro aperto a tutti, venerdi 25 giugno 2010 a partire dalle 19.00 circa presso la Caffetteria delle Oblate (in via dell’Oriolo 26 a Firenze). Dopo il momento informativo sulle produzioni biologiche ci sarà un apericena bio a buffet con i prodotti bio della fierucola (costo 10 eu). Organizzare, oltre ai produttori della fierucola che forniranno la materia prima e si confronteranno con i consumatori, la Caffetteria delle Oblate (dove venerdì 25 giugno alle 18.30 si svolgerà l’incontro) e keBuono.
Perchè la serata possa attuarsi è necessario un numero minimo di presenze. Diffondete l’invito a coloro che ritenete interessati, con la richiesta di una rapida conferma a: saverionannini@hotmail.it o 055.8493007

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.