Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘biodinamico’

Nell’avvicinarsi ai vini bianchi cosiddetti    ” biodinamici”, sarete certo incappati in liquidi dai colori piuttosto particolari, ossidativi, rugginosi, con poca brillantezza e con molte particelle in sospensione. Intendiamoci, grandi vini quelli di Radikon, Gravner e affini, chi in vita sua non ne ha mai ordinato una bottiglia? Vini che parlano di un territorio. Sostengo che quelle ossidazioni e macerazioni eccessive, allontanano dal varietale dell’uva di provenienza e quindi cerco altri vini bianchi, che assieme alla naturalità della vinificazione riescono a presentarti l’uva di provenienza in modo inequivocabile.

Gran bella bottiglia Galea 2004 bianco da uve Tocai, prodotto dall’azienda    i Clivi , friulana di Corno di Rosazzo.

Un vino che non resta improgionato nel classico schema Tocai: Agrumi con finale di mandorla amara, ma che dispensa un’ampiezza aromatica sorprendente. Al naso susina gialla matura, nocciola e mandorla, accenni di rosa, in bocca il vino è caldo e potente, grande struttura che tende a rimanere tesa e diritta nonostante un alcool importante. Ad ogni sorso le ali della lingua, fremono come levigate, grandissima persistenza ed un finale balsamico da Oscar. Sul retrogusto la vera sorpresa, note decise tipiche da vino rosso giovane; controllo anche assieme ad un amico, ma non ci sono dubbi, netto l’aroma di ciliegia. Che divertimento!

Un bianco che proprio per non aver eccesso in ossidazioni mantiene vibrante il profilo organolettico del Tocai e si rende grande negli abbinamenti: da provare con le verdure!

 

Vigna Galea

Read Full Post »

Ho conosciuto Mattia  che presentava la sua prima annata di vinificazione, dopo la fruttuosa e decennale esperienza Panizzi; ad un pranzo da Burde dove insieme a Rolando Beramendi  al buon Gori abbiamo potuto conoscere il suo lavoro,e dove sapemmo che aveva abbracciato l’agricoltura biologica per recuperare le ultratrentenni viti di vernaccia. Mattia attualmente abita e vinifica nella splendida cornice del Caggio.

Il luogo e scelto da Regione Toscana, provincia di Siena per la Produzione di Miele e cera d’api in assenza di qualsiasi agente inquinante; del progetto si occupa il Dott. Zagnoli, ex presidente Demeter e produttore di Mieli ultradeliziosi, e naturalmente certificati come Biodinamici Quest’anno l’ettaro e mezzo di Sangiovese piantato a ridosso delle arnie è stato sostenuto a bassissime dosi di zolfo e rame

Sangiovese

.

Nel video Mattia ci racconta del perché ha voluto cercare la strada dell’Agricoltura Bio, pur nelle mille difficoltà di effettuarla a San Gimignano.

 

PS: a scanso di equivoci, io lavoro per lui, all’epoca del filmato ero solo molto curioso.

Read Full Post »