Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Masnaghetti’

In ritorno da Terre di Toscana, Lido di Camaiore.

Ecco gli eroi del Bio nella splendida cornice versiliese organizzata da L’Acquabona.

Vernaccia, Mattia Barzaghi

Lucchesia, Macea

I Vini di Caiarossa

Michele, Tenuta Lenzini

Alberto Belluomini, Velier-Triple A

Filippo Ferrari, Le Sorgenti

Caroline, Pian dell'Orino

Gabriele, Podere Concori

Cipriano Bersanti, Macea

Un Masna in gran forma, Enogea

Riccardo Gabriele, il Corriere del Vino

Riccardo Farchioni, L'Acquabona

Elena, Coquinarius Firenze

Fernando Pardini, L'Acquabona

Read Full Post »

Di questi giorni, un buon articolo su Enoblog mi ha ricordato che anche il Buon Vecchio Zio Masna (BVZM, per chi ricorda Martin Mystère) aveva affrontato l’angusto l’argomento dei cambi di gusto “in corsa” , ed ecco che rispolvero il primo numero della seconda serie di Enogea. Non lamentatevi, anche io ero innamorato del formato della prima serie, comodissimo da leggere durante la lezione all’Università…ma tant’è…

Quando appariva questo articolo, molto probabilmente ero in fila ad assaggiare qualche fantomatico supertuscan; oggi che mi abbevero di altri nettari devo essere conscio che dalla mano che coglieva i grappoli, al vino che si faceva strada nella mia bocca, passavano 3/4 anni. Naturalmente le scelte produttive della pianta e della conseguente vinificazione erano dettate dai gusti del momento, adesso siamo tutti (me compreso) a dare addosso a quelle aziende che ci ripropongono quella tipologia di vino….ma non è stato forse il mio palato a richiedere quei vini!?. Mi piace un mio amico produttore biodinamico,  dice che l’approccio ad una azienda deve essere olistico, non limitiamoci quindi ad assaggiare quel vino, cerchiamo di essere nella sua storia e soprattutto visto che i rischi della Biodinamica sono legati alla moda del momento…prendiamola per adesso  come un percorso e non come un fine.

Correva l’anno 2005 ed il Masna (che come dice lui , c’ha i capelli bianchi):

 

Giordano di Enoblog

“Il vino non è un prodotto industriale, mettiamocelo in testa. Cercare di ridurlo alla stregua di un maglione od un televisore è pura follia suicida.
Non si può banalizzare la genesi di un bicchiere, pensando di poterlo adattare, nel giro di un anno o poco di più, alle presunte “esigenze” di un fantomatico mercato, spesso eterodiretto.”

“Chi sceglie un terreno e pianta delle barbatelle ha già scelto che vino fare, anche se la prima bottiglia arriverà almeno cinque anni dopo. Di che cosa stiamo parlando, quindi? Come fa un produtore, anche volendo, ad adattarsi velocemente ad inversioni di gusto (da dimostrare, peraltro) così repentine e, a mio avviso, ingiustificate?”

 

Giampaolo Paglia su Enoblog

“e’ sbagliato inseguire le mode, perché visti i tempi con i quali si muove chi fa vino, si rischia sempre di arrivare tardi. Pero’ e’ giusto evolvere, cambiare, crescere, tornare indietro, fare sperimentazione, prendere nuove strade, ritornare sui propri passi. Come per tutte le cose, anche a proposito di vino i nostri gusti cambiano, si trasformano con gli anni insieme all’acquisizione di un gusto personale sempre più definito e stratificatosi nel corso degli anni. In fin dei conti, nel corso di una vita professionale ognuno di noi se e’ fortunato potrà giocarsi 40/50 vendemmie, che corrispondono al corso della nostra vita, in cui si passa da bambini a vecchi, e i gusti e le opinioni cambiano. Quindi, nulla di strano a muoversi, ma non seguire pediquessequamente il mainstream.”

 

Filippo Ferrari su Enoblog

 “mi sfugge invece il concetto di andare nelle vigne, parlare alle piante, o forse spingere un bottone per produrre meno concentrato, più acido e meno alcolico??!! come come?? con gli impianti che molto aziende hanno fatto negli ultimi anni, parlo di densità/ha, altezza dell’uva da terra, calpestamenti del suolo, diserbi e magari concime chimico?”

 

Sono il primo a sostenere l’importanza di una svolta radicale nei metodi di allevamento della vite, mi chiedo tuttavia se ho la faccia per rinnegare tutti i vini che ho bevuto…

 

Read Full Post »