Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘porthos’

Il Saluto di Tiziana Gallo

Il successo dell’edizione dello scorso anno mi ha convinta ad organizzare la seconda edizione di Vini Naturali a Roma: l’incoraggiamento più forte è arrivato proprio dai vignaioli che hanno deciso di condividere con me questa esperienza.

Il fine della manifestazione è permettere al consumatore di conoscere e degustare vini prodotti nel rispetto del territorio, della vite e quindi della natura. Alla manifestazione saranno presenti vignaioli aderenti a varie associazioni quali Vini Veri, VinNatur, Triple “A”, Renaissance Italia oltre ad alcuni indipendenti.

ROMA   30 e 31 gennaio e il 1 febbraio 2010

Le aziende presenti

ANNIBALE ALZIATI FAUSTO ANDI
ANTONIOLO AR.PE.PE.
BARRACO PAOLO BEA
BELVEDERE VITTORIO BERA & FIGLI
LA BIANCARA BONAVITA
PODERE LE BONCIE RAYMOND BOULARD
BRANDULIN CAMERLENGO
CAMPI DI FONTERENZA IL CANTANTE
CAPPELLANO CARUSSIN
CASCINA DEGLI ULIVI LA CASTELLADA
F.LLI CAVALLOTTO EZIO CERRUTI
I CLIVI CORTE SANT’ALDA
COS LE COSTE
COTAR CROCI
DAINO MARCO DE BARTOLI
DOMAINE DE CHASSORNEY – COSSARD LA DISTESA
CAMILLO DONATI GINO FASOLI
FATTORIA ROMEO DEL CASTELLO FATTORIA SAN LORENZO
DOMAINE JEAN FOILLARD SILVANO FOLLADOR
FORADORI DOMAINE JEAN-FRANCOIS GANEVAT
GRACI TENUTA GRILLO
GUCCIONE HADERBURG
RENATO KEBER KLINEC
LA LUNA DEL ROSPO TENUTE LOACKER
I MANDORLI MASSA VECCHIA
VALTER MLECNIK MONTE DALL’ORA
NANDO ARIANNA OCCHIPINTI
PARASCHOS EMIDIO PEPE
PIAN DELL’ORINO CIRO PICARIELLO
PORTA DEL VENTO DANIELE PORTINARI
PRAESIDIUM WEINBAU PRETTEREBNER
DARIO PRINCIC PUNSET
RADIKON PINO RATTO
JOSKO RENCEL GIUSEPPE RINALDI
TEOBALDO RIVELLA DOMAINE ROMANEAUX-DESTEZET
SAN FEREOLO PODERI SANGUINETO
MARCO SARA SLAVCEK
DAVIDE SPILLARE VINI STEMBERGER
LA STOPPA FRANCO TERPIN
TERZAVIA TRINCHERO
VAL CERASA – BONACCORSI TENUTA DI VALGIANO
I VIGNERI VILLA BELLINI
LA VISCIOLA VODOPIVEC
ZIDARICH
OASI DEGLI ANGELI SEBASTIEN BOBINET

La location

L’evento avrà luogo nelle accoglienti sale del prestigioso Hotel Columbus in via della Conciliazione 33. Sito nel cuore della Capitale, a pochi metri dalla Basilica di San Pietro, l’albergo è facilmente raggiungibile con la linea A della metropolitana (fermata Ottaviano- San Pietro).

Clicca per visualizzare


I Fiorentini interessati si facciano vivi…così mettiamo su un bel treno della speranza, in linea con l’ideale contadino!!


Read Full Post »

Quel gran Signore di Dan Lerner, in quel di Fornovo, mi consigliò di assaggiare i vini dell’Azienda Vitivinicola Croci, cosa che feci e che mi dette  modo di rendermi conto che le belle  favole si possono avverare!

Massimiliano Croci mentre parla dei suoi vini ti mette a tuo agio, ti spiega le sue idee senza imporle e ed un perfetto esempio per un buon equilibrio tra poesia e cantina. E’ passato molto tempo da Fornovo, ma prima di scrivere qualcosa ho voluto rileggermi il meraviglioso articolo di Porthos n 32 ed anche quest’altra intervista rilasciata da Massimiliano a Vinipiacentini.net.(vedi sotto)

Non è solo una questione di tecnica di cantina; mentre parlavo con Massimiliano ho avuto la sensazione che quello che stavo degustando fosse la sua “strada al vino”, una interpretazione assolutamente personale ed una convinzione, a mio parere poco sindacabile, che per infondere nel vino territorialità, piacere, finezza e longevità, si possono e devono controllare i passaggi della produzione con tecniche moderne e si possono evitare le ossidazioni con uso a basso dosaggio di solforosa e gas inerte

Come viene fatto un vino a rifermentazione naturale in bottiglia?

M. CROCI: Il metodo è sostanzialmente quello degli spumanti metodo classico. Rispetto alla tradizione oggi noi lavoriamo in modo più analitico e usiamo le tecniche della moderna enologia per controllare le varie fasi di lavorazione, ma i passaggi fondamentali restano quelli tradizionali. Il vino viene prodotto come vino secco, fa la sua fermentazione e in alcune annate i vini rossi anche la malolattica. Il giorno prima dell’imbottigliamento vengono aggiunti del vino dolce per sviluppare le atmosfere di pressione adatte e dell’anidride solforosa perché questa rimanga disponibile libera e non fissa. Viene poi fatto un rimontaggio per dare ossigeno ai lieviti, quindi viene imbottigliato. Durante l’imbottigliamento le bottiglie vengono saturate di azoto per non fare ossidare il prodotto a causa dell’aria che altrimenti si fermerebbe tra il vino e il tappo

Due veloci parole sui vini , visto che mi piacerebbe, visitare l’azienda e riportare qualcosa di più di un assaggio fatto a Fornovo.

Il Gutturnio “sur lie” è encomiabile per quella carbonica disegnata col compasso, mai eccessiva e che sostiene l’acidità lungo la beva; un bel frutto centrale di more e susina nera svanisce lento in un finale pulito e di buona complessità.

Emozioni di ghiaccio, da Malvasia di Candia e moscato,  quello che Massimiliano definisce Icewine, proviene da uve che nel periodo invernale vengono sottoposte a temperature sotto lo zero. Il vino è un armonia di aromi e sapori, di un ampiezza tale da lasciare di stucco. A tratti ricorda un Riesling., poi frutti canditi come albicocche ed arance, finale dolce ma ben dosato.

Read Full Post »

…..mi rendo conto che sono veramente in anticipo a parlarvi di una manifestazione di fine Gennaio visto che tutti in questo momento sarete concentrati a pensare al Natale e feste varie, ma visto la rincorsa contro il tempo (purtroppo!) vi prego di segnarvi nell’agenda (nuova!) le date del 30-31 Gennaio e 1 Febbraio 2010!

Ve lo chiedo per favore, ma non per mio interesse, ma Puramente per voi!  🙂

Avete letto di Fornovo di Taro? Eccovi un pò di resoconti  qui e qui e qui.

L’occasione per assaggiare questi vini non capita spesso, per sentire un’atmosfera da non-sfilata come purtroppo il vino-moda vive, per parlare direttamente con i vignaioli che con la loro etica salveranno i nostri corpi e le nostre anime………vi ho convinto? NON SONO ESAGERATA!

Io ho partecipato alla scorsa edizione,  non sapevo precisamente a cosa sarei andata incontro, ma posso dirvi che ho capito che le sputacchiere (quanto non mi piace questo nome!) quando assaggi certi vini sono veramente inutili!!!

Anzi, avete mai assaggiato un prosecco che avesse qualcosa di più da raccontarvi rispetto a quelle flute che vi offrono inutilmente all’aperitivo o come benvenuto in tanti ristoranti?

I produttori ed i vini presenti purtroppo sono ancora top secret, ma nel giro di qualche giorno, se controllate nel sito www.vininaturaliaroma.com vi convinceranno ………… se le mie parole non l’hanno già fatto!

Read Full Post »