Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘tenuta Lenzini’

Il prossimo 3,4,5 Giugno 2011 si svolgerà il Florence Wine Event che ormai alla 5° Edizione con circa 100 aziende presenti ospiterà come ogni anno una sezione di aziende Biologiche e Biodinamiche,  sul catalogo grazie ad una piccola coccinella sarà possibile distinguerle dalle altre aziende. saranno presenti:  Cosimo Maria Masini, Mattia Barzaghi, Podere La Castellaccia, Quercia al Poggio, Renzo Marinai, Ronco di Zegla, Vigliano, Campinuovi, Fattoria Sant’Andrea a Morgiano, Tenuta Lenzini, Azienda Agricola Ornina

 

Il FWE è una manifestazione conviviale e fresca che in Oltrarno riesce a coinvolgere contemporaneamente sia i turisti sia i fiorentini appassionati di vino e non, tutti insieme con il calice in mano!!!  Per partecipare alle degustazioni sarà sufficiente il Kit degustazione a €10  acquistabile all’ingresso di piazza Pitti  e che comprende il bicchiere, la tracollina, il catalogo e la Drink card con 10 assaggi che ha valore per tutti i giorni della manifestazione. Per tutti i Sommelier in grado di esibile la propria tessera associativa 2011 (Fisar e AIS) sarà possibile allo stesso costo ritirare la Special Drink Card che ha valore  giornaliero ma che permetterà a voi operatori di degustare tutti i prodotti che preferite.

Orari Stand Piazza Pitti: Venerdì 3 dalle 16,00 alle 21,00; Sabato 4 dalle 11,00 alle 21,00; Domenica dalle 11,00 alle 20,00(tenendo conto che alle 19,00 cesserà la possibilità di acquistare il Kit degustazione.

Annunci

Read Full Post »

 

Dovendo anche (ma soprattutto) lavorare,  sarò stringato nel sottolineare quello che mi ha colpito tra i vari vini bio presenti alla manifestazione di due giorni fa in terra Versiliese.

Come sempre i bianchi a base Vernaccia ed il rosato da uve  Canaiolo prodotti dall’Azienda Montenidoli di San Gimignano. Sempre tra i vini bianchi molto interessanti i prodotti di Podere Concori e Macea. Il primo da Chenin blanc e Pinot Bianco, ottima scorrevolezza preciso in aromi di fiori e frutti gialli; chiude lungo e secco. Il secondo, che i fratelli Bersanti definiscono un vino da uomini duri, è un mix di uve autoctone della valle del Serchio. Sorprende per la solarità del Frutto ed un acidità da base Champagne. Insomma, prima ti seduce e poi ti accoltella; gradevolissimo da bere. Tra i rossi ottima la prova del Sirah di Tenuta Lenzini circondato da altri “internazionali” di Valore. Tra i Sangiovese ho molto gradito il Baron Ugo di Monteraponi, per chi come me ama il vecchio stile da invecchiamento, poco adatto ai precisini.

 

 

 

Le foto prese dal reportage de L’Acquabona

Read Full Post »